Lunedì 19 aprile 2021 l’Ingenuity Mars Helicopter della NASA è diventato il primo velivolo nella storia a compiere un volo alimentato e controllato su un altro pianeta. Il team di Ingenuity presso il Jet Propulsion Laboratory dell’agenzia nel sud della California ha confermato che il volo è riuscito dopo aver ricevuto i dati dall’elicottero tramite il rover Perseverance Mars della NASA alle 6:46 EDT (12:46 in Italia).

Ingenuity è l’ultimo di una lunga e storica tradizione di progetti NASA che raggiungono un obiettivo di esplorazione spaziale“, ha detto l’amministratore della NASA Steve Jurczyk. “L’X-15 è stato un apripista per lo space shuttle. Mars Pathfinder e il suo rover Sojourner hanno fatto lo stesso per tre generazioni di rover marziani. Non sappiamo esattamente dove ci porterà Ingenuity, ma i risultati di oggi indicano che il cielo – almeno su Marte – potrebbe non essere il limite“.

L’elicottero a energia solare si è alzato in volo per la prima volta alle 3:34 EDT (09:34 in Italia) – 12:33 Local Mean Solar Time (ora di Marte) – un orario che il team di Ingenuity ha determinato per avere energia e condizioni di volo ottimali. I dati dell’altimetro indicano che Ingenuity è salito alla sua altitudine massima prescritta di 10 piedi (3 metri) e ha mantenuto un hover stabile per 30 secondi. Poi è sceso, toccando di nuovo la superficie di Marte dopo aver registrato un totale di 39,1 secondi di volo. Ulteriori dettagli sul test sono attesi nei prossimi downlink.

Credit: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS

La dimostrazione iniziale di volo di Ingenuity era autonoma – pilotata da sistemi di guida, navigazione e controllo di bordo che eseguono algoritmi sviluppati dal team del JPL. Poiché i dati devono essere inviati e restituiti dal Pianeta Rosso su centinaia di milioni di chilometri utilizzando satelliti orbitanti e la rete Deep Space Network della NASA, Ingenuity non può essere pilotato con un joystick e il suo volo non era osservabile dalla Terra in tempo reale.

L’amministratore associato della NASA per la scienza Thomas Zurbuchen ha annunciato il nome del campo d’aviazione marziano su cui ha avuto luogo il volo.

Ora, 117 anni dopo che i fratelli Wright sono riusciti a compiere il primo volo sul nostro pianeta, l’elicottero Ingenuity della NASA è riuscito a compiere questa incredibile impresa su un altro mondo“, ha detto Zurbuchen. “Mentre questi due momenti iconici nella storia dell’aviazione possono essere separati dal tempo e da 173 milioni di miglia di spazio, ora saranno per sempre collegati. Come omaggio ai due innovativi costruttori di biciclette di Dayton, questo primo di molti campi di aviazione su altri mondi sarà ora conosciuto come Wright Brothers Field, in riconoscimento dell’ingegno e dell’innovazione che continuano a spingere l’esplorazione“.

Il capo pilota di Ingenuity, Håvard Grip, ha annunciato che l’International Civil Aviation Organization (ICAO) – l’agenzia dell’aviazione civile delle Nazioni Unite – ha presentato alla NASA e alla Federal Aviation Administration il designatore ufficiale ICAO IGY, call-sign INGENUITY.

Questi dettagli saranno inclusi ufficialmente nella prossima edizione della pubblicazione ICAO Designators for Aircraft Operating Agencies, Aeronautical Authorities and Services. Alla località del volo è stata data anche la designazione cerimoniale JZRO per Jezero Crater.

Come uno dei progetti di dimostrazione tecnologica della NASA, l’Ingenuity Mars Helicopter, alto 19,3 pollici (49 centimetri), non contiene strumenti scientifici all’interno della sua fusoliera dalle dimensioni di una scatola. Invece, il rotorcraft da 1,8 kg è destinato a dimostrare se la futura esplorazione del pianeta rosso potrebbe includere una prospettiva aerea.

Questo primo volo era pieno di incognite. Il Pianeta Rosso ha una gravità significativamente più bassa – un terzo di quella della Terra – e un’atmosfera estremamente sottile con solo l’1% della pressione in superficie rispetto al nostro pianeta. Questo significa che ci sono relativamente poche molecole d’aria con cui le due pale del rotore di Ingenuity, larghe 4 piedi (1,2 metri), possono interagire per raggiungere il volo. L’elicottero contiene componenti unici, così come parti off-the-shelf-commerciali – molte dall’industria degli smartphone – che sono state testate nello spazio profondo per la prima volta con questa missione.

Il progetto Mars Helicopter è passato da uno studio di fattibilità “blue sky” a un concetto ingegneristico realizzabile fino al raggiungimento del primo volo su un altro mondo in poco più di sei anni“, ha detto Michael Watkins, direttore del JPL. “Il fatto che questo progetto abbia raggiunto un risultato storico unico, testimonia l’innovazione e la tenacia del nostro team qui al JPL, così come ai centri di ricerca Langley e Ames della NASA e ai nostri partner industriali. È un esempio lampante del tipo di spinta tecnologica che si pratica al JPL e si adatta bene agli obiettivi di esplorazione della NASA“.

Parcheggiato a circa 211 piedi (64,3 metri) di distanza a Van Zyl Overlook durante lo storico primo volo di Ingenuity, il rover Perseverance non solo ha agito come relè di comunicazione tra l’elicottero e la Terra, ma ha anche registrato le operazioni di volo con le sue telecamere. Le immagini delle immagini Mastcam-Z e Navcam del rover forniranno ulteriori dati sul volo dell’elicottero.

Abbiamo pensato a lungo di avere il nostro momento da fratelli Wright su Marte, ed eccolo qui“, ha detto MiMi Aung, project manager dell’Ingenuity Mars Helicopter al JPL. “Ci prenderemo un momento per celebrare il nostro successo e poi prenderemo spunto da Orville e Wilbur su cosa fare dopo. La storia dimostra che si sono rimessi al lavoro – per imparare il più possibile sul loro nuovo aereo – e così faremo anche noi“.

Perseverance è atterrato con Ingenuity attaccato alla sua pancia il 18 febbraio. Schierato sulla superficie del cratere Jezero il 3 aprile, Ingenuity è attualmente al 16° sol, o giorno marziano, della sua finestra di test di volo di 30 sol (31 giorni terrestri). Nei prossimi tre sol, il team dell’elicottero riceverà e analizzerà tutti i dati e le immagini del test e formulerà un piano per il secondo volo di prova sperimentale, previsto non prima del 22 aprile. Se l’elicottero sopravvive al secondo test di volo, il team di Ingenuity valuterà come espandere al meglio il profilo di volo.