Credit: NASA

Oggi segna un evento storico ed emozionante, poiché preziosi campioni dell’asteroide Ryugu sono stati portati sulla Terra dalla missione Hayabusa2 della Japan Aerospace Exploration Agency (JAXA). Si tratta di un’impresa estremamente impegnativa e noi lodiamo e ci congratuliamo con il Giappone per essere stato non solo la prima nazione che è stata in grado di effettuare con successo una missione di recupero di asteroidi, ma per averlo fatto per la seconda volta!

Siamo entusiasti della nostra collaborazione tra la missione Hayabusa2 di JAXA e la missione di ritorno del campione di asteroide della NASA – OSIRIS-REx, che ha estratto un campione dall’asteroide Bennu il 20 ottobre. La nostra partnership reciprocamente vantaggiosa con il Giappone ci permette di condividere e scambiare reciprocamente i campioni degli asteroidi che sono stati estratti. Insieme, otterremo una migliore comprensione delle origini del nostro sistema solare e della fonte di acqua e delle molecole organiche che potrebbero aver seminato la vita sulla Terra.

Asteroid Ryugu Image Credit & Copyright: ISAS, JAXA

Il nostro modello di condivisione dei campioni è una testimonianza della partnership senza precedenti tra gli Stati Uniti e il Giappone i quali hanno costruito oltre mezzo secolo di ricerca aeronautica e di esplorazione umana e robotica dello spazio. Insieme, le nostre due navicelle hanno percorso milioni di chilometri per toccare l’antico sistema solare. Con il ritorno di Hayabusa2 oggi e il ritorno di OSIRIS-REx in meno di tre anni, saremo in grado di condividere con tutta l’umanità la scienza e le intuizioni che otterremo da questi preziosi campioni.

Il fatto che gli esseri umani possano lanciare una navicella spaziale dalla Terra, farla incontrare così accuratamente con un piccolo bersaglio e toccare delicatamente la superficie per raccogliere un campione è semplicemente incredibile e dimostra la tenacia dello spirito umano. Missioni come Hayabusa2 e OSIRIS-REx ci danno speranza. Ci ispirano a perseverare nelle molte sfide che ci attendono in questi sforzi così impegnativi, e ci insegnano il potere di lavorare insieme – non come un’unica nazione o come un’unica agenzia, ma insieme come esseri umani che condividono una casa su questo punto azzurro pallido.

Asteroid Bennu Credit: NASA

E la cosa più eccitante è che questo è solo l’inizio. Il ritorno di Hayabusa-2 è l’inizio di un decennio di missioni pionieristiche per esplorare insieme la Luna, come parte di Artemis, e per restituire campioni di corpi lontani, tra cui la prossima missione di esplorazione delle Lune marziane di JAXA e la missione Mars Sample Return della NASA. La nostra collaborazione con il Giappone fornirà una scienza inestimabile e una conoscenza critica per espandere la presenza dell’umanità più in profondità nel sistema solare.

Ancora congratulazioni a JAXA e ai suoi partner, al Centro Nazionale Francese di Studi Spaziali (CNES), al Centro Aerospaziale Tedesco (DLR) e al Governo dell’Australia, inclusa l’Agenzia Spaziale Australiana), e al popolo giapponese. Questo è un grande giorno per la scienza e l’esplorazione.