Sono tornati!
Le sconcertanti registrazioni di telecamere a mirino fatte dai piloti della Marina degli Stati Uniti nel 2004 e nel 2015, che mostrano UFO e che potrebbero essere navi extraterrestri, sono state ora rilasciate ufficialmente.

Perché ora? Bene, la Marina dice che vuole che il pubblico sappia che i video, almeno, sono reali. Vuole inoltre assicurarci che questi cortometraggi non compromettono alcuna capacità militare sensibile, nel caso in cui tu fossi preoccupato per questo.

Intendiamoci, questi video erano già pubblici molto tempo fa. Erano presenti sulla prima pagina del New York Times a dicembre 2017. Di conseguenza potresti dire a te stesso “e allora?“. È simile a quando il CERN ha fatto trapelare la scoperta di una nuova particella (il bosone di Higgs) prima della sua conferenza stampa ufficiale. Al momento dell’annuncio pubblico, la storia non era esattamente stantia. Ma era un po’ asciutta.

Quindi questo annuncio del Dipartimento della Difesa non è esattamente una novità. Se i video sono stati apposti o meno con un sigillo ufficiale della US Navy, la domanda è “cosa mostrano veramente?“. Trascorri il minuto che ti serve per guardarlo e vedrai un oggetto a forma di arachide che rimane per lo più centrato nella cornice, ma a volte va alla deriva e si attorciglia. 

Sono state offerte molte spiegazioni. Alcune persone pensano che si tratti di veicoli autonomi, vale a dire droni (amichevoli o meno). Altri – forse perché sono già affezionati all’idea che gli alieni sfiorino gli oceani nei loro veicoli ad alta tecnologia – diranno che questi video sono prova concreta che gli extraterrestri sono qui.

Ma siamo sinceri: nessuno sembra sapere cosa siano queste cose. Voglio dire, la Marina ha molto potere cerebrale (credo che valga 1,2 milioni di sterline), e se gli esperti non riescono a giungere a una conclusione su questo, ciò dovrebbe dirti che una spiegazione banale è probabilmente – troppo banale.

Una cosa che mi sembra significativa è che i video sono stati realizzati da un tipo di aereo da caccia – F/A-18 Super Hornets – e con un tipo di telecamera ad ala, un cosiddetto FLIR (Forward Looking InfraRed.) Naturalmente, questo è il tipo di equipaggiamento che la Marina stava usando. Ma chiediti questo: se ogni volta gli automobilisti che guidano la Buick Enclave del 2020 (è un SUV) vedessero degli ominidi pelosi calpestare il sottobosco mentre cavalcano attraverso le foreste del nord dell’Oregon, potresti chiedere “cosa c’è in quelle Buick?“.

Forse c’è qualcosa su quelle telecamere FLIR o sul loro spiegamento sugli Hornet. Può essere.

Ma a meno che non vengano gettate altre prove in questo stufato – come immagini satellitari o foto affidabili e ripetute da navi o aerei commerciali – non sono molto propenso a pensare che questi video siano prove convincenti della presenza aliena. La questione dell’intelligenza extraterrestre è importante. La prova della loro esistenza deve essere migliore di così.