Doppia immagine

Queste due immagini del telescopio spaziale Hubble della cometa C/2019 Y4 (ATLAS), scattate il 20 e 23 aprile 2020, offrono la visione più nitida della frammentazione della fragile cometa.

Hubble ha identificato circa 30 frammenti il ​​20 aprile e 25 pezzi il 23 aprile. Sono tutti avvolti in una coda di polvere cometaria spazzata dal sole. “Il loro aspetto cambia sostanzialmente tra i due giorni, al punto che è abbastanza difficile collegare i punti“, ha detto David Jewitt, professore di scienze planetarie e astronomia all’UCLA, a Los Angeles, e leader di una delle due squadre che hanno fotografato la cometa con Hubble. “Non so se questo è dovuto al fatto che i singoli pezzi si accendono e si spengono mentre riflettono la luce del sole, agendo come luci scintillanti su un albero di Natale o perché frammenti diversi compaiono in giorni diversi.”

due immagini dai colori blu della cometa frammentata C / 2019 Y4 (ATLAS), vista da Hubble
Queste due immagini del telescopio spaziale Hubble della cometa C / 2019 Y4 (ATLAS), scattate il 20 aprile (a sinistra) e il 23 aprile 2020, offrono la visione più nitida della rottura del nucleo solido della cometa. La vista ad occhio d’aquila di Hubble identifica fino a 30 frammenti separati. Hubble distingue pezzi che hanno all’incirca le dimensioni di una casa. Prima della rottura, l’intero nucleo della cometa potrebbe essere stato la lunghezza di uno o due campi da calcio. Gli astronomi non sono sicuri del perché questa cometa si sia spezzata. La cometa era a circa 91 milioni di miglia (146 milioni di chilometri) dalla Terra quando furono scattate le immagini.Credits: NASA, ESA, STScI e D. Jewitt (UCLA)

Questo è davvero eccitante, sia perché tali eventi sono super fighi da guardare sia perché non accadono molto spesso. La maggior parte delle comete che si frammentano sono troppo deboli per essere viste. Gli eventi su tale scala si verificano solo una o due volte ogni dieci anni” ha affertmato il leader di una seconda squadra di osservazione Hubble, Quanzhi Ye, dell’Università del Maryland, College Park.

Un fenomeno comune

I risultati dimostrano che la frammentazione delle comete è in realtà abbastanza comune, affermano i ricercatori. Potrebbe anche essere il meccanismo dominante con cui muoiono i nuclei solidi e ghiacciati delle comete. Poiché ciò accade rapidamente e in modo imprevedibile, gli astronomi rimangono in gran parte incerti sulla causa della frammentazione. Le immagini nitide di Hubble possono fornire nuovi indizi sulla rottura. Hubble distingue pezzi piccoli come le dimensioni di una casa. Prima della rottura, l’intero nucleo potrebbe non essere stato più lungo della lunghezza di due campi da calcio.

Un’idea è che il nucleo originale si è fatto in tanti pezzi a causa dell’azione a getto di degassamento dei ghiacci sublimanti. Poiché tale sfiato probabilmente non è uniformemente disperso nella cometa, “migliora” la rottura. “Un’ulteriore analisi dei dati di Hubble potrebbe essere in grado di mostrare se questo meccanismo è responsabile o meno“, ha detto Jewitt. “Indipendentemente da ciò, è abbastanza speciale dare un’occhiata a Hubble in questa cometa morente“.

Uno spettacolo mancato

La cometa è stata scoperta il 29 dicembre 2019 dal sistema di rilevamento astronomico robotico ATLAS (Asteroid Terrestrial-impact Last Alert System) con base alle Hawaii. Questo progetto di indagine, supportato dalla NASA per la difesa planetaria, gestisce due telescopi autonomi che cercano comete e asteroidi che si avvicinano alla Terra.

La cometa si è illuminata rapidamente fino a metà marzo e alcuni astronomi avevano anticipato che a maggio poteva essere vista ad occhio nudo per diventare una delle comete più spettacolari viste negli ultimi 20 anni.

Tuttavia, la cometa ha iniziato improvvisamente a diventare più fioca invece che più luminosa. Gli astronomi, quindi, avevano ipotizzato che il nucleo ghiacciato poteva essersi frammentato o addirittura disintegrato. La frammentazione di ATLAS è stata confermata dall’astronomo dilettante Jose de Queiroz, che è stato in grado di fotografare tre pezzi della cometa l’11 aprile.

Possibile avvicinamento alla Terra

La cometa – in via di disintegrazione – era a circa 91 milioni di miglia (146 milioni di chilometri) dalla Terra quando furono fatte le ultime osservazioni di Hubble. Se una qualsiasi di essa sopravvive, la cometa si avvicinerà alla Terra il 23 maggio a una distanza di circa 72 milioni di miglia (116 milioni di chilometri), e otto giorni dopo supererà il Sole a 25 milioni di miglia (40 milioni di chilometri) ).