asteroide-universe-journal-2019

Stiamo per essere colpiti da una grande roccia spaziale?

Se sei stato preoccupato per i cambiamenti climatici, la proliferazione del nucleare, il coronavirus o dall’acne adolescenziale, ecco in arrivo qualcos’altro che può alimentare le preoccupazioni. 

Un tabloid britannico – il Daily Express – ha annunciato questa settimana che un asteroide di circa 3 miglia di dimensioni “si avvicinerà alla Terra” alla fine di aprile. E quello era solo l’inizio della notizia. Il seguito della notizia è stato veramente inquietante: questo oggetto “potrebbe porre fine alla civiltà umana se colpisce“.

Questo suono come il preludio ad una brutta giornata. Dopotutto, tutti ricordiamo l’asteroide che ha causato l’stinzione dei dinosauri e i due terzi di ogni altra specie terrena circa 66 milioni di anni fa. Certo, quell’asteroide era più grande. Ma anche se questa roccia non fosse all’altezza del leggendario assassino di lucertole del Cretaceo-Terziario, avrebbe sicuramente cancellato milioni di persone – sia attraverso l’impatto diretto e il blocco del Sole dalla polvere, sia causando la madre di tutti gli tsunami se fosse caduto nell’oceano.

Il nome dell’asteroide è OR2-1998, che (come indica il nome) è stato trovato 22 anni fa all’Osservatorio di Haleakala alle Hawaii nell’ambito del programma della NASA di monitoraggio degli asteroidi vicino alla Terra. Chiaramente, la sua apparizione nei nostri cieli questo mese non è un qualcosa di inaspettato. Piuttosto, 1998 OR2 è stato intorno al sistema solare molte volte. L’orbita è ben determinata.

Quindi fondamentale è la ipotesi posta alla fine del titolo del Daily Express: “se colpisce“. E gli esperti sono sicuri che non colpirà. In realtà, non è nemmeno incluso nell’elenco della NASA dei potenziali oggetti che potrebbero colpirci in futuro – quegli oggetti che ritiene possano essere pericolosi.

Il prossimo approccio, più vicino a noi, di OR2-1998 sarà il 29 aprile, quando passerà vicino alla Terra ad una distanza minima di 3,9 milioni di miglia. È come un’auto che attraversa il tuo percorso a circa un miglio dinanzi a te. Non terribilmente preoccupante.

E non posso fare a meno di notare che c’è una roccia molto più grande – una con un peso di 80 miliardi di tonnellate – che si avvicinerà 16 volte rispetto all’OR2 del 1998 questo mese. Si chiama luna.

OK, quindi notizie flash: forse non dovresti credere a tutto ciò che leggi.