358347 04: FILE PHOTO An Aerial view of Brookhaven National Laboratory in N.Y., a U.S. Department of Energy research lab that make up the Relativistic Heavy Ion Collider (RHIC) complex. One of the first images of two gold beams colliding at near the speed of light took place at the Relativistic Heavy Ion Collider June 14, 2000. (Photo by Liaison)

Giovedì 9 gennaio, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha annunciato l’intenzione di costruire un centro di ricerca di fisica nucleare all’avanguardia chiamato Electron-Ion Collider (EIC) presso il Brookhaven National Laboratory di New York.

L’EIC promette di mantenere l’America in prima linea nella ricerca sulla fisica nucleare e nella tecnologia dell’acceleratore di particelle, componenti critiche della leadership globale della scienza negli Stati Uniti“, ha dichiarato in un comunicato stampa il Segretario all’Energia USA Dan Brouillette.

Questa struttura approfondirà la nostra comprensione della natura“, ha aggiunto, “e si prevede che sarà la fonte di approfondimenti che alla fine porterà a nuove tecnologie e innovazioni“.

Il collettore di particelle avrà un costo stimato tra $ 1,6 e $ 2,6 miliardi per essere costruito e probabilmente non sarà pronto per l’uso fino al 2030.

Tuttavia, una volta che è attivo e funzionante, i ricercatori saranno in grado di utilizzare l’EIC per frantumare fasci di elettroni ad alta energia in protoni e nuclei atomici più grandi – potenzialmente sbloccando nuovi segreti del nostro mondo fisico.

The Electron-Ion Collider aprirà una nuova frontiera della fisica nucleare“, ha detto il direttore del laboratorio nazionale di Brookhaven Doon Gibbs in un comunicato stampa, aggiungendo che il dispositivo “amplierà la nostra conoscenza dei componenti fondamentali degli atomi che compongono tutti la materia nell’universo e la forza che tiene tutto insieme“.