sfinge-tuna-el-gebel

Qualche giorno fa, Egyptoday.com ha riportato la notizia secondo cui è stata ritrovata una minuta statua calcarea a forma di sfinge, nell’area archeologica di Tuna El-Gebel nel governatorato di Al Minya, nell’Alto Egitto, a 270 chilometri dal Cairo. La missione ha anche trovato collezioni di antichi amuleti oltre a ceramiche di varie forme e dimensioni. Ecco quanto rilevato.

Una piccola statua reale di una sfinge è stata scoperta nell’area archeologica di Tuna El-Gebel nel governatorato di Minya, nell’Alto Egitto, sabato 14 dicembre. La sfinge, fatta di calcare, è stata scoperta dalla missione archeologica egiziana guidata da Sayed Abdel-Malek.

Il direttore generale delle antichità del Medio Egitto Gamal El-Samastawy ha dichiarato che la sfinge misura circa 35 cm di altezza e 55 cm di larghezza. Le vicine tombe di sacerdoti di Thot, recentemente scoperte, e le fattezze stesse del reperto potrebbero collocarlo tra la fine del Periodo Tardo all’Epoca tolemaica. Tuttavia la datazione non è stata ancora resa nota.

L’area di Tuna el Gebel, nel governatorato di Minya, è tra i siti archeologici che contengono molti antichi tesori egizi che non sono ancora stati rivelati. Tuna el-Gebel, nella città di Mallawi, era la necropoli di Khmun. Contiene monumenti di epoca greca e romana, nonché del tardo Medioevo. L’area ospita le Boundary Stelae of Akhenaton, catacombe di falchi, babbuini e ibis e le tombe di Petosiris e Isadora..

Il villaggio di Tuna el-Gebel è famoso per avere molte tombe archeologiche, che hanno contribuito notevolmente al rilancio della vita archeologica e turistica e hanno aiutato ancora una volta a portare turisti arabi e stranieri nella regione. È un villaggio archeologico situato nel Governatorato di Al Minya. Ha una popolazione di oltre 20.000 persone.