Introduzione

M33, o Galassia Triangolo, è uno degli oggetti spaziali più ricercato dagli astrofili ma non solo. Fa parte insieme a un’altra settantina di galassie di un insieme chiamato Gruppo Locale, che si estende per circa 10 milioni di anni luce. E’ la terza più grande galassia del gruppo locale, dopo quella di Andromeda e la Via Lattea.

Ma scopriamo qualcosa in più su di lei.

Vi presento M33

Messier 33 (M33), conosciuta ai più come galassia del Triangolo, è una famosa galassia a spirale il cui nome deriva dalla posizione che occuapa nel cielo rispetto la prospettiva terrestre. Essa, infatti, è situata nella piccola costellazione del Triangolo che a sua volta prende il nome dall’asterismo formato dalle tre stelle più luminose della costellazione: Ras al Muthallah (o Alpha Trianguli), Deltotum (o Beta Trianguli) e Gamma Trianguli. Le tre stelle formano un triangolo lungo e stretto, con Alpha Trianguli che segna l’apice e Beta e Gamma Trianguli la base.

La scoperta

Messier 33 fu probabilmente scoperto per la prima volta dall’astronomo italiano Giovanni Battista Hodierna prima del 1654. Hodierna elencò l’oggetto come una nebulosità simile a una nuvola vicino al “Triangolo”. In seguito, in modo indipendente, Charles Messier trovò l’oggetto e lo catalogò il 25 agosto 1764.

Questa spettacolare galassia venne individuata anche da William Herschel che la catlogò come H V.17. Dopo averla osservata, l’11 settembre 1784, la descrisse come come una “nebulosità non meno di 1/2 gradi largo, forse lungo 3/4 gradi”. Herschel notò, inoltre, all’interno di M33, una regione H II che catalogò come H III.150, che venne poi inclusa nell Nuovo Catalogo Generale sotto la denominazione di NGC 604.

NGC 604

Questa nebulosa si trova nella parte nord-orientale di M33 e ha uno spettro simile a quello della famosa Nebulosa di Orione (M42), ma è circa 40 volte più grande della parte visibile di M42. In essa si estende una grande regione di formazione stellare e grazie ai dati dell’Osservatorio ai raggi X di Chandra, combinati con quelli del telescopio spaziale Hubble, è stato possibile vedere un’area in cui risiedono circa 200 stelle calde, giovani e massicce.

Caratteristiche di M33

La galassia Triangulum ha una massa compresa tra 10 e 40 miliardi di masse solari. E’ una galassia a spirale non sbarrata con bracci che emergono direttamente dal nucleo il quale contiene la sorgente di raggi X più luminosa del gruppo locale. ll braccio settentrionale di M33 contiene quattro vaste regioni H II, mentre il braccio meridionale è più densamente popolato da giovani stelle calde. Finora sono stati scoperti 100 resti di supernova in M33, la maggior parte nella parte meridionale della galassia. La galassia Triangulum contiene almeno 54 e possibilmente fino a 122 o più ammassi globulari. Il più grande buco nero di massa stellare mai trovato è stato scoperto in M33 nel 2007. Chiamato M33 X-7, il buco nero ha una massa di 15,7 volte quella del Sole.

La galassia, inclinata di 54 gradi rispetto alla nostra linea visiva, si trova ad una distanza tra 2,38 e 3,07 milioni di anni luce dalla Terra e ha una magnitudine apparente di 5,72. La sua designazione nel Nuovo Catalogo Generale è NGC 598.

Messier 33 occupa un’area di 70,8 per 41,7 minuti d’arco di dimensioni e ha un diametro reale di circa 60.000 anni luce, poco più della metà del diametro della Via Lattea. Sembra circa 2,5 volte più grande della luna piena nel cielo. Contiene circa 40 miliardi di stelle, che è significativamente inferiore alla Via Lattea (400 miliardi) e alla Galassia di Andromeda (1 trilione).

Come osservare M33

M33, è uno degli space object favoriti dagli astronomi dilettanti e professionisti, grazie al suo orientamento e alla relativa vicinanza a noi. È la seconda galassia a spirale più vicina alla nostra Via Lattea (dopo la M31, la Galassia di Andromeda). M33 è uno degli oggetti di cielo profondo visibili ad occhio nudo purchè le condizioni di seeing siano buone.

Essa si vede meglio con binocoli o telescopi molto grandi e con ingrandimenti bassi. È un obiettivo popolare per gli astrofotografi poiché le sue braccia a spirale e le regioni più luminose di H II possono essere catturate con buone attrezzature amatoriali. 

Con grandi telescopi sarà possibile vedere gli ammassi globulari, le corsie di polvere e la struttura a spirale della galassia stessa.

Individuare M33

M33 si trova a 3,5 gradi a ovest-nord-ovest di Mothallah, Alpha Trianguli, la seconda stella più luminosa di Trianggolo, e 7 gradi a sud-ovest di Mirach, Beta Andromedae, la stella che viene anche utilizzata per localizzare la vicina galassia di Andromeda.

Il modo più semplice per individuare M33 è iniziare con l’individuare il corpo della costellazione di Pegaso e tracciare le tre stelle luminose di Andromeda in direzione della forma a W di Cassiopea. Mirach è la stella di mezzo lungo la linea. Una linea tracciata da Mirach a Mothallah ( il vertice di Triangolo) conduce direttamente a M33 che si trova a metà strada lungo la linea. Il periodo migliore dell’anno per osservare la galassia è nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

Curiosità

Si ritiene che Messier 33 sia una sorta di galassia satellite del più grande Messier 31, data la loro vicinanza, interazione e velocità. Le due galassie sono separate da meno di 300 kiloparsec. 

M33 è leggermente più distante da noi di Andromeda. Un flusso di idrogeno gassoso che collega M31 e M33 è stato scoperto nel 2004 e confermato nel 2011, indicando un’interazione passata tra i nostri due vicini tra 2 e 8 miliardi di anni fa. M33 e M31 probabilmente subiranno un incontro più drammatico tra circa 2,5 miliardi di anni.

L’astronomo americano Edwin Hubble identificò 35 Cefeidi classici in M33 nel 1926, il che gli permise di stimare le loro distanze. I risultati hanno sostenuto la teoria secondo cui le nebulose a spirale erano in realtà galassie indipendenti e non solo nebulose all’interno della Via Lattea. Per approfondire tale argomento consigliamo:

Un menage a trois

Il futuro della galassia Triangulum non può essere previsto con certezza, ma è legato a quello della galassia di Andromeda, come accennato sopra. M33 sarà assorbito da Andromeda e farà parte anch’essa della collisione di Andromeda con la Via Lattea.

Precisamente, secondo nuove ricerche, la galassia Triangolo si scontrerà prima con  Andromeda. In seguito dopo questa fusione toccherà alla Via Lattea scontrarsi con Andromeda e lo scontro non sarà frontale ma laterale ed avverrà tra circa 4,5 miliardi di anni.

In breve

Oggetto: galassia 
Tipo: spirale
Classe: SA (s) cd
Designazioni: Messier 33, M33, Triangulum Galaxy, NGC 598, Triangulum Pinwheel, LEDA 5818, 2E 409, PGC 005818, UGC 1117, MCG + 05-04-069, 1ES 0131 + 303, RX J0133.8 + 3039, RBS 214 , TC 906
Costellazione: Triangolo 
Ascensione retta: 01h 33m 50.02s 
Declinazione: + 30 ° 39’36.7 ”   
Distanza: 2,38 a 3,07 milioni di anni luce (da 730.000 a 940.000 parsecs) 
Numero di stelle: 40 miliardi
Magnitudine apparente: +5,72 
Dimensioni apparenti: 70′.8 x 41′.7
Dimensioni: 60.000 anni luce (diametro) 
Redshift: -0.000607 
Velocità radiale elio: -179 km / s 
Velocità galattocentrica: -44 km / s