BRUIE-nasa-europa-clipper

Introduzione

La NASA, in vista delle prossime missioni su Europa ed Encelado, ha organizzato una spedizione in Antanrtide per testare le capacità di ricerca di vita nelle gelide acque grazie ad un “Rover acquatico“: BRUIE.

BRUIE

L’acronimo BRUIE sta per Buoyant Rover for Under-Ice Exploration ed è un un piccolo esploratore robotico realizzato dagli ingegneri del Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California. Lungo 1 metro e dotato di due ruote per rotolare sotto il ghiaccio, il rover galleggiante può acquisire immagini e raccogliere dati sull’importante regione in cui si incontrano acqua e ghiaccio.

Arriverà in Antartide questo mese per eseguire dei test sotto il ghiaccio marino.Trascorrerà il mese successivo a testare le sue capacità presso la stazione di ricerca di Casey in Antartide, per preparasi a missioni che un giorno potrebbero portarlo a cercare la vita nei mondi oceanici oltre la Terra. Questo è il suo vero obiettivo: l’esplorazione subacquea nelle ghiacciate acque extraterrestri.

Oceani extraterrestri da esplorare

Numerose sono le lune coperte da oceani, in primis quella di Europa – di Giove – ed Encelado -di Saturno. Scienziati come Kevin Hand, scienziato capo della JPL del progetto BRUIE, credono che questi oceani lunari, possano essere i posti migliori in cui cercare la vita nel nostro sistema solare. Ma prima, hano bisogno di un duro rover acquatico in grado di navigare da solo attraverso un oceano alieno chiuso sotto le calotte glaciali che potrebbero avere uno spessore dai 10 ai 19 chilometri.

I gusci di ghiaccio che coprono questi lontani oceani fungono da finestra sugli oceani sottostanti, e la chimica del ghiaccio potrebbe aiutare a nutrire la vita in quegli oceani. Qui sulla Terra, il ghiaccio che copre i nostri oceani polari svolge un ruolo simile, e il nostro team è particolarmente interessato a ciò che sta accadendo dove l’acqua incontra il ghiaccio “, ha detto Hand.

Le acque antartiche sono l’analogo terrestre più vicino ai mari di una luna ghiacciata, il che le rende un banco di prova ideale per la tecnologia BRUIE. “Abbiamo scoperto che la vita vive sia sul fondo del mare che in quella zona di confine tra acqua-ghiaccio. La maggior parte dei sommergibili ha difficoltà a indagare su quest’area, poiché le correnti oceaniche potrebbero causare il loro crollo o anche loro perderebbero molta froza nel mantenere la posizione“, ha detto l’ingegnere capo Andy Klesh. “BRUIE, tuttavia, utilizza le sue capicatà di galleggiamento per rimanere ancorato al ghiaccio ed è impermeabile alla maggior parte delle correnti. Inoltre, può spegnersi in sicurezza, accendendosi solo quando deve eseguire una misurazione, in modo che possa trascorrere mesi osservando il sottosuolo ambiente di ghiaccio “.

La missione di BRUIE

Questa è la prima prova del rover in Antartide. Supportato dal Programma antartico australiano, l’equipaggio viaggerà verso i laghi e la riva del mare vicino alla stazione di Casey, dove praticheranno buchi nel ghiaccio per immergere BRUIE.

Durante diversi test sul campo antartico, il rover rimarrà legato alla superficie mentre Hand, Klesh, l’ingegnere meccanico Dan Berisford e l’ingegnere dell’Università dell’Australia occidentale Dan Arthur testano la sua suite di strumenti, comprese le sue due telecamere ad alta definizione dal vivo.

BRUIE porterà diversi strumenti scientifici per misurare i parametri legati alla vita, come ossigeno disciolto, salinità dell’acqua, pressione e temperatura“, ha affermato Berisford, che collegherà gli strumenti scientifici se i primi test andranno bene. Ma la vita su altri mondi come Encelado ed Europa potrebbe essere difficile da misurare. “Una volta arrivati ​​lì“, ha aggiunto, “sappiamo davvero come rilevare la vita simile a quella sulla Terra. Quindi è possibile che microbi molto diversi possano essere difficili da riconoscere“.

Europa Clipper

La NASA è già al lavoro per costruire l’ orbiter di Europa Clipper , che dovrebbe essere lanciato nel 2025 per studiare Europa, gettando le basi per una missione futura che potrebbe cercare la vita sotto il ghiaccio.

Approfondimenti