starlink-elon-musk-portera-internet-mondo-12000-satelliti-speciale-v10-44017

Introduzione

Avevamo parlato del progetto Starlink, una missione con cui la SpaceX di Elon Musk vuole fornire banda larga a tutto il mondo mediante una rete satellitare.

Per ulteriori dettagli: SpaceX – Con Starlink banda larga globale

Oggi era previsto il lancio ed ecco quanto ha riportato l’agenzia spaziale privata:

SpaceX alle 9:56 EST (15:56 UTC) ha lanciato Falcon 9 con 60 satelliti Starlink da Space Launch Complex 40 (SLC-40) situata nella parte settentrionale di Cape Canaveral, Florida. Questo lancio è parte dello sviluppo di SpaceX di un sistema Internet a bassa latenza a banda larga per i consumatori di tutto il mondo. Starlink fornirà Internet veloce e affidabile alle popolazioni con poco o nessuna connettività, dove i servizi esistenti sono troppo costosi o inaffidabili. Il primo stadio di Falcon 9 aveva precedentemente supportato le missioni Iridium-7, SAOCOM-1A e Nusantara Satu, e la carenatura è stata utilizzata nella missione Arabsat di Falcon Heavy.

Il video – Replay

I satelliti

Il secondo gruppo di satelliti Starlink di SpaceX è stata spedita in orbita con il lancio del razzo Falcon 9 oggi lunedì 11 nocembre, aggiungendovi a quelli già inviati in precedenza per formare una rete che alla fine potrebbe includere migliaia di satelliti che trasmettono segnali Internet ad alta velocità dallo spazio.

I satelliti sono progettati per disperdersi e sistemarsi gradualmente nelle prossime ore e giorni. I propulsori ionici alimentati dal carburante krypton manovreranno i satelliti in orbite operative di 550 chilometri, inclinate di 53 gradi rispetto all’equatore.

SpaceX afferma che 1.440 satelliti sono necessari per fornire un servizio Internet nelle zone popolate del pianeta, un livello di servizio che la società afferma potrebbe essere raggiunto dopo 24 lanci. La rete Starlink potrebbe offrire un servizio per le parti settentrionali degli Stati Uniti e del Canada dopo solo sei lanci e potrebbe lanciare altre migliaia di satelliti Starlink se il mercato dovesse rispondere in modo positivo. La Federal Communications Commission ha autorizzato SpaceX a gestire quasi 12.000 satelliti Starlink con gruppi di veicoli spaziali posizionati a diverse altitudini e su vari piani dell’orbita terrestre bassa.

La critica

Non tutti sono favorevoli a questa massiccia opera che vede intasare i cieli, precisamente l’orbta terrestre, di tutti questi satelliti per una serie di motivi. La IAUInternational Astronomical Union – ha dichiarto in merito: “Non capiamo ancora l’impatto di migliaia di questi satelliti visibili e sparsi nel cielo notturno. Nonostante le loro buone intenzioni, queste costellazioni satellitari possono minacciare entrambi“.

Il dottor James Lowenthal dello Smith College negli Stati Uniti teme allo stesso modo l’impatto di così tanti satelliti che popolano i cieli notturni. Ha detto: “Se ci sono un sacco di oggetti luminosi in movimento nel cielo, ciò complica enormemente il nostro lavoro. Potenzialmente minaccia la scienza dell’astronomia stessa“.

Il Tweet

Al termine della missione, dall’account twitter di SpaceX, è giunto il tweet di ok delle operazioni. Eccolo: