spacebit-robot-rover-moon-universe-journal

Introduzione

Il CEO di Spacebit, Pavlo Tanasyuk, durante il Congresso Astronautico Internazionale del 24 ottobre scorso, ha rilasciato importanti dichiarazioni circa la possibilità di realizzzare il primo lancio di un rover lunare costruito nel Regno Unito. Il lancio dovrebbe avvenire il 2021 con l’invio di robot-spider destinati a stuidare le grotte e antri misteriosi della Luna.

I robot

spacebit-robot-rover-moon-universe-journal
credit: spacebit

Cò che offre Spacebit sono robot con gambe, stile ragni, che consentirebbero alle macchine di scavare in fessure inaccessibili ai rover spaziali tradizionali. La missione prevede che un rover porti fino a otto robot di questo tipo in un punto ben preciso; una volta abbandonata la “nave madre” procedono alla esplorazione delle caverne lunari usando l’intelligenza artificiale per riportare più dettagli sulla storia della luna. “Non abbiamo le ruote ma abbiamo quattro gambe, con un design molto pulito” per questo tipo di lavoro, ha detto Tanasyuk alla Conferenza Astronautica Internazionale il 24 ottobre.

I robot di Spacebit sono costruiti su un telaio cubesat a unità singola che viene solitamente utilizzato per piccoli satelliti. I singoli robot pesano solo poco più di 3 libbre. (1,5 chilogrammi) ciascuno, che è un ordine di grandezza meno massiccio del rover cinese Yutu che pesa 265 libbre (120 kg).

Si prevede che i robot, che costano 3 milioni di dollari ciascuno, saranno costruiti in soli 6-12 mesi (il che è molto più rapido del tradizionale programma pluriennale di costruzione di veicoli spaziali). “Potremmo avere più rover che esplorano la luna e che in futuro potrebbero andare anche oltre“, ha detto Tanasyuk.

Il Lancio

La compagnia londinese intende lanciare il primo lotto di questi rover insieme al lander Peregrine della Luna di Astrobotic, che dovrebbe essere lanciato su un missile Vulcan Centaur della United Launch Alliance nel luglio 2021. Questa sarebbe la prima missione sia per il lander che per il razzo Vulcan Centaur. Tanasyuk ha dichiarato in merito: “speriamo davvero che effettuino l’atterraggio“. Se ciò andrà secondo i piani, l’atterraggio di Peregrine consentirà a Spacebit di realizzare la prima esplorazione con robot con le gambe.

Questa è una grande novità per una startup che si unisce alla corsa delle missioni verso la Luna, aiutata in gran parte dall’impegno della NASA di portarvici gli umani nel 2024. La NASA sta già incoraggiando le aziende private a partecipare attraverso i suoi servizi di payload lunare commerciale (CLPS).

La commercializzazione

I piani di Tanasyuk e della sua Spacebit includono la vendita della tecnologia ai clienti interessati, tra cui università e altre agenzie spaziali. Con le missioni che utilizzano attrezzature standardizzate e componenti standardizzati, ha aggiunto Tanasyuk, l’esplorazione dello spazio sarà più conveniente e ciò incoraggerà più entità a volare sulla luna. “Dopo 50 anni di assenza di umani sulla luna, credo che le missioni robot avranno un ruolo molto importante nel nostro ritorno“, ha detto.