Missione Pad abort test

Dopo la missione che ha visto come protagonista la Cygnus, la Nasa in data odierna ha in corso un ulteriore missione: Pad abort test del Boeing’s Starliner spacecraft.

Il Pad Abort Test di Boeing fa parte del programma commerciale della NASA con l’industria aerospaziale americana, attraverso una partnership pubblico-privata, per lanciare astronauti su razzi e veicoli spaziali dal suolo americano. Collaboraziona nata nel 2011. L’obiettivo del programma è fornire un trasporto sicuro, affidabile ed economico da e verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Per preparare il suo veicolo spaziale CST-100 Starliner per il trasporto dell’equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale, Boeing testerà la capacità di interruzione del lancio del sistema sul pad durante la salita. Questo test si svolgerà presso la White Sands Missile Range nel New Mexico.

Ricordiamo che l’evento è possibile vederlo sui canali ufficiali della NASA.

Aggiornamento

Credit: nasa tv

Il test è stato ultimato. Ecco quanto accaduto.

Il portavoce della Boeing presente sul luogo del test, Jessica Landa, durante la trasmissione in diretta del test ha detto: “È stato fenomenale. L’indicazione che oggi abbiamo avuto è quella di un test di interruzione del pad riuscito davvero bene“.

Sul luogo erano presenti anche tutti e tre gli astronauti che voleranno al primo lancio con equipaggio dello Starliner. “Speriamo di non aver mai bisogno di usare questo sistema”, ha detto l’astronauta della NASA Mike Fincke. “Sappiamo che dopo il test di oggi saremo in grado di scendere in sicurezza e tornare un altro giorno per ritentare.”

Boeing spera che il trio volerà l’anno prossimo. “La data del lancio si sta avvicinando e questo lo si percepisce; è incredibile, soprattutto essere qui per il test“, ha detto l’astronauta della NASA Nicole Mann. “Grandi traguardi come il test di oggi stanno solo dimostrando che ci stiamo avvicinando ogni giorno di più”.

Credito immagine: NASA TV

Per la manovra di prova odierna, la capsula è stata dotata di un manichino di prova antropomorfo dotato di sensori per raccogliere dati che aiuteranno gli ingegneri della Boeing a valutare i risultati del test. Durante il test, la capsula Starliner è stata programmata per raggiungere una velocità di 650 mph (1.046 km/h) in soli 5 secondi. I motori a bordo del veicolo spaziale sparavano in modo intermittente nel corso di 10 secondi per portare la capsula lontano dalla piattaforma di lancio e dall’ipotetico razzo instabile.

In seguito l’astronave si è assestata ed ha rilasciato una serie di paracadute fondamentali per la sicurezza dell’equipaggio perché rallentano la capsula e orientano l’astronave per un atterraggio sicuro. Dopo circa 60 secondi dall’inizio della procedura, la capsula Starliner ha gettato via lo scudo termico e dispiegato gli airbag per ammorbidire ulteriormente l’atterraggio. Due dei tre paracadute principali a bordo della capsula Starliner di Boeing si sono schierati con successo durante il test della capsula il 4 novembre 2019.

paracadute-starliner-nasa-universe-jorunal
Credito immagine: NASA TV

Il prossimo lancio di Boeing per il veicolo Starliner, la missione dimostrativa senza equipaggio per la Stazione Spaziale Internazionale, è programmato per il 17 dicembre dalla Florida.