Il sito cinese denominato Our Space ha pubblicato nuove immagini di una sostanza misteriosa trovata sul lato oscuro della luna, che era stata descritta come “gelatinoso“.

Ma andiamo con ordine.

Il ritrovamento

Il rover cinese Yutu-2 a fine agosto, dopo qualche mese dal suo allunaggio sul lato nascosto della Luna, stava per essere messo in letargo per evitare di rovinare i delicati strumenti durante la notte lunare che dura circa due settimane. Proprio in quel momento viene inquadrato dal rover una sostanza strana luccicante che i media cinesi definirono con “gelatinoso” situato al centro di un modesto cratere.

rover-cina-lunavetro
A view of the strange ‘gel-like’ material (Image: CNSA)

Da quel momento in poi varie ipotesi sono state avanzate: alcuni ritenevano potesse trattarsi di vetro incastonato nel suolo lunare. In seguito è intervenuto Dan Moriarty del Goddard Space Flight Center della Nasa che ha provato ad analizzare le immagini alla ricerca di indizi sulla natura del materiale.

La versione ufficiale

“La forma dei frammenti appare abbastanza simile a quella di altri materiali nella zona. Ciò ci dice che questo materiale ha una storia simile a quella dell’ambiente circostante”, ha affermato Moriarty a Space.com“Penso che l’informazioni più affidabile qui sia che il materiale è relativamente scuro. Incorporata in frammenti più grandi e più scuri, sembra che la sostanza sia più luminosa, ma c’è la possibilità che la luce brilli su una superficie liscia“. In modo perentorio conclude affermando: “Sicuramente – conclude – stiamo guardando un sasso”.

rover-cinese-sostanza-gelatinosa

Mancando altri indizi non si può far altro che rimanere a ciò che gli esperti affermano e che trattasi di materiale simile a quello del campione 70019, raccolto dagli astronauti statunitensi durante la missione Apollo 17 nel 1972, ossia residui di minerali scuri incastonati nel suolo lunare in seguito ad un impatto di un meteroite.