La NASA e SpaceX hanno condotto una verifica formale del sistema di fuga o uscita di emergenza della compagnia al Launch Complex 39A del Kennedy Space Center in Florida il 18 settembre 2019. Gli astronauti della NASA Bob Behnken e Shannon Walker hanno partecipato all’esercitazione per verificare che l’equipaggio possa tranquillamente e rapidamente evacuare dalla piattaforma di lancio nell’improbabile evento di un’emergenza prima del decollo del primo test di volo con equipaggio di SpaceX, chiamato Demo-2.

Credit image: Nasa

Questa dimostrazione ha permesso a tutti i vari team responsabili delle operazioni a terra, della progettazione del sistema, della sicurezza a terra e della gestione delle emergenze di osservare e verificare che il sistema sia pronto per l’uso operativo“, ha affermato Steve Payne, responsabile dell’integrazione delle operazioni per il programma di equipaggio commerciale dell’agenzia . “È un sistema che speriamo di non dover mai usare, ma dobbiamo essere preparati per ogni scenario“.

Durante l’esercizio, Behnken e Walker hanno dimostrato due metodi di fuga per dimostrare che l’equipaggio potrebbe lasciare rapidamente il livello di 265 piedi della torre di lancio sia ricorrendo alla uscita di emergenza che quella tradizionale.

La sicurezza dei membri dell’equipaggio è la massima priorità“, ha detto Walker. “Questa è stata una grande opportunità per testare il sistema di uscita di emergenza e le procedure sul pad“.

SpaceX ha fornito una dimostrazione dell’attivazione di allarmi e segnalatori luminosi, mettendo in atto bombole d’aria di emergenza e attivando il sistema di fuorisucita d’acqua a livello di accesso dell’equipaggio, seguito dall’uscita dalla “stanza bianca” . Sono stati testati anche i meccanismi di rilascio e un cestino vuoto è stato inviato lungo la lunghezza del cavo scorrevole verso l’area di atterraggio.

I cestini slidewire hanno subito numerosi miglioramenti di progettazione da quando sono stati utilizzati le prive volte. È stato aggiunto un nuovo sistema di frenata che regola la velocità mentre gli astronauti scendono dal filo scorrevole, il che rende la guida più fluida per l’equipaggio. Le regolazioni del sistema hanno anche reso molto più semplice lo smontaggio dei cestini del filo scorrevole rispetto al design precedente.

Inoltre, la piattaforma utilizzata per la fuga di emergenza sulla torre è stata spostata e reinstallata al livello di 265 piedi, fino a 70 piedi dalla sua posizione originale , al fine di ospitare un veicolo di lancio più alto.

Se il sistema di uscita d’emergenza dovesse mai essere necessario per sfuggire a un evento pericoloso, vogliamo avere la completa fiducia che funzionerà come previsto e farà in modo che il nostro personale di volo e il personale di bordo scendano dalla torre in modo rapido e sicuro“, ha affermato Payne.

Il team di verifica comprendeva anche personale del Johnson Space Center della NASA a Houston, chirurghi di volo della NASA, ingegneri di sistemi SpaceX, Kennedy Aero Medical, Commercial Crew Program Safety e altri osservatori.

Mentre i fornitori di equipaggi commerciali SpaceX e Boeing iniziano a fare voli regolari verso la stazione spaziale, la NASA continuerà ad avanzare la sua missione per andare oltre l’orbita terrestre bassa e stabilire una presenza umana sulla Luna con l’obiettivo finale di inviare astronauti su Marte.

Fonte: Nasa.gov